Saint Tropez

Saint Tropez

Saint Tropez – Mondanità, colore e divertimento

Saint Tropez (Provenza, Francia) si estende lungo una penisola selvaggia e si affaccia sulla baia che porta il suo nome. La sua storia è straordinariamente ricca di battaglie ed eventi storici. Nei tempi antichi fu popolata dai Fenici e durante il periodo romano la città era conosciuta con il nome di Heraclea. Dopo la caduta dell’impero la Provenza fu invasa, regolarmente, da diverse popolazioni che espulsero gli abitanti locali.
Ma St.Tropez diventa famosa negli anni ’50, con l’arrivo dei Parigini chic, di artisti, di uomini d’affari, per strada si poteva incontrare Picasso, Francoise Sagan, Jacques Prévert e molti altri. Tra i grandi che dipinsero e scolpirono in quest’area troviamo Matisse, Renoir, Signac, Mirò, Chagall, Modigliani e Picasso. Ma è con l’arrivo di Brigitte Bardot che si è raggiunto l’apice, le sue spiaggie ed il “Topless”. Tra St. Tropez e St. Raphael si trovano alcune zone tra le più belle e piacevoli d’Europa. “Guarda, respira e divertiti“, questo lo slogan delle spiagge provenzali, da Les Canoubiers a Les Salins, tra il porto e le famose cappelle e tra la bellezza delle colline e le strade dello shopping.
Se decidete di venire qui in maggio, in giugno o in settembre, senza le folle potrete veramente ammirare il fascino delle vie e dei vicoli.
Tra i monumenti, imperdibile la Notre Dame de la Assomption, costruita nel 1784 in stile barocco, che al suo interno custodisce molte opere d’arte, e il maestoso campanile della torre. E ancora la Cappella della Misericordia, la Cappella di Saint Tropez, la Cappella del Convento, con le grandi celebrazioni per il santo patrono che si svolgono il 16 di maggio (sono i famosi tre giorni delle celebrazioni dette “Bravades”), e la Cappella di Sant’Anna, con vista sulla baia e sulle colline Maures.

CURIOSITA’:
Torpete visse in tempo di persecuzioni. Divenuto anch’egli cristiano, Torpete praticava di nascosto la nuova fede religiosa, il che non gli impediva di svolgere un ruolo importante presso l’amministrazione romana di Nerone.
Tornato a Pisa, fu riconosciuto cristiano dal prefetto della città, il quale tentò di riportarlo alla religione pagana. A nulla valsero i suoi sforzi: né le false promesse, né le prove fisiche convinsero Torpete a rinnegare la nuova religione così fu giustiziato. Dopo la morte, il suo corpo fu abbandonato sopra un’ imbarcazione, e fatto trasportare dal fiume Arno. La corrente del Mar Ligure spinse la barca sino alle spiaggie di St.Tropez trasformandolo così nel Santo Patrono degli abitanti della città.

Atre destinazioni in Francia: Bastia, Colmar, Marsiglia, Montecarlo (Principato), Nizza, Parigi, Strasburgo

foto principale di steve lorillere