Savona

Savona

Savona – La Riviera delle Palme

Savona, seconda città della Liguria, si affaccia sulla riviera Ligure di Ponente, su una piccola insenatura naturale, stretta tra la costa e l’entroterra. Il nome risale al IV Secolo a.c. ma la città si sviluppa nell’era Bizantina. Nel pieno medioevo la città, risulta fra le più attive a livello commerciale, con conseguente rivalità con la potente e vicina Genova.
Nella seconda metà del ‘400 la famiglia Della Rovere dà alla Cristianità due Pontefici, Sisto IV e Giulio II che fanno vivere alla città un periodo di grande rinascita, sopratutto nel campo dell’arte della cultura e dell’economia.
In questo periodo la famiglia di Cristoforo Colombo, allora bambino, si trasferisce a Savona.
Nel XVII secolo Savona comincia ad essere conosciuta per la produzione della ceramica d’arte “Blu Vecchia Savona“.

Nella città si distinguono il centro storico di impianto medievale, presso il porto; il regolare quartiere ottocentesco del periodo piemontese, verso il Letimbro; e la recente espansione a ovest e a nord. Il centro conserva notevoli monumenti, tra cui le torri di Brandale (XII secolo) e di Leon Pancaldo (XIV secolo); l’incompiuto Palazzo della Rovere (1495), opera di Giuliano da Sangallo; il Duomo, costruito fra il 1589 e il 1605, ma con facciata del 1886; la Fortezza dei Priamàr, raggiungibiie da corso Mazzini. Dal 1528, a seguito della grave sconfitta inflitta dalla Repubblica di Genova, gli edifici sul Priamàr vengono progressivamente distrutti per consentire la costruzione dell’enorme fortezza eretta da Genova, a partire dal 1542 – 43. All’interno del Priamàr si conservano ancora i resti degli antichi edifici, inglobati nella costruzione della piazzaforte. Fra l’altro, è nel Priamàr che Giuseppe Mazzini trascorre un periodo di prigionia e, in una delle sue celle, concepisce la ‘Giovane Italia’ (1831). Oggi nella Fortezza ha sede la Pinacoteca civica che possiede notevoli opere pittoriche e una ricca raccolta delle tipiche ceramiche savonesi decorate, la cui produzione fiorì particolarmente fra il XVI e il XVIII secolo.
Savona è anche un importante centro industriale, con stabilimenti alimentari, chimici, metallurgici, siderurgici, metalmeccanici, cantieristici, della ceramica e del vetro. Notevoli sono anche le attività commerciali del porto. La provincia, che comprende 69 comuni in un territorio quasi totalmente montuoso o collinare (Alpi Marittime e Appennino ligure), ha un’economia basata sull’agricoltura (vite, ulivi e ortaggi) nei fondivalle; sull’industria nei centri di Vado Ligure (cantieri navali), Albissola (ceramiche) e Cairo Montenotte (stabilimenti chimici e produzione di materiale fotografico); e sulle attività turistiche nelle note stazioni balneari.

Altre destinazioni in Liguria:
Camogli, Cinque Terre,, GenovaLa SpeziaLericiPortofinoPortovenereSanta Margherita.

Per gli ospiti che si imbarcano sulle navi da crociera:
Terminal Crociere Palacrociere (navi Costa Crociere)
in auto – Uscita Autostrada A10 Genova-Ventimiglia uscita Savona seguire le indicazioni Porto e quindi Terminal Crociere. E’ possibile utilizzare il parcheggio: Parking Consorzio Savona Crociere – tel. 019/8486120
in treno – la Stazione di Savona dista circa 1,5 Km (10 euro in taxi) – vedi orari autobus ACTS
in aereo – Il Terminal dista circa 45 Km. dall’aeroporto Cristoforo Colombo Genova (40 minuti taxi 80€)
Radiotaxi Savona: 019-827951
Chi si imbarca sulle minicrociere e week-end di Corsica Ferries per Bastia e la Corsica o sui traghetti della Saremar per Porto Torres (Sardegna) dovrà andare al  terminal traghetti di Savona-Vado.

foto principale di Promozione turistica Provincia di Savona