Zadar

Zadar

Zadar – La capitale storica della Dalmazia

Zadar (Croazia) antica città dalmata con 3000 anni di storia, è oggi un importante centro amministrativo, turistico e culturale della Croazia. La rete antica delle vie tipica della penisola si e conservata fino ai nostri giorni, come anche il foro romano del I secolo. Oltre alla chiesa preromanica di San Donato del IX secolo, che e il segno di riconoscimento della citta, a Zadar si trovano gli esempi piu belli dell’arte romanica in Croazia: la cattedrale di Sant’Anastasia del XIII secolo, la chiesa di San Grisogono del XII secolo e il campanile della chiesa di Santa Maria del 1105. Vi sono anche le mura massicce con la Porta di Terraferma e la Porta di Porto rappresentative del XVI secolo, la Piazza dei 3 pozzi e la Piazza dei 5 pozzi, la Loggia cittadina, la Guardia cittadina, i numerosi palazzi, e tutto questo sotto il patronato di ben 4 santi protettori: San Simone, Sant’Anastasia, San Grisogono e Santo Zoil.

La zona costiera è molto bella e pittoresca ed è possibile accedere facilmente alle incantevoli isole vicine che conservano ancora oggi baie naturali incontaminate. Il parco nazionale delle Kornati, un gruppo di 140 isole, isolotti e scogli disabitati, è forse l’esempio più spettacolare della bellezza di questo luoghi.
Allo splendore del paesaggio si unisce una buona organizzazione ed accoglienza: hotel moderni e funzionali, alloggi privati, centri nautici. Il porto è vicino al centro e nelle vicinanze è possibile trovare ristoranti, super market, bar, stazione degli autobus, taxi e rent-a-car, farmacie e i principali servizi necessari a chi si trova in viaggio.

Curiosità:
Nel tredicesimo secolo un mercante di rientro a Venezia proveniente dalla Terra Promessa trasportava con se le reliquie di San Simeone. A tutti quelli che incontrava raccontava che stava trasportando la salma di suo fratello. A causa di una improvvisa burrasca ha dovuto ripararsi entrando nel porto di Zadar ed accettando l’ospitalità dei frati. Il mercante morì durante la notte e così i frati realizzarono dai documenti che il corpo che trasportava era quello di San Simeone che fu quindi seppellito nel loro giardino. In seguito le reliquie furono trasferite in quella che oggi è la Chiesa di San Simeone.

Altre destinazioni in Adriatico:
Ancona, Bari, Brac, Brindisi, DubrovnikDurazzoHvar, Korkula, KotorPula, Ravenna, Rovigno, Split, Venezia.

foto principale di Jason Drury